...
🧠 Il blog è dedicato al tema vpn e sicurezza, privacy dei dati su Internet. Parliamo di tendenze attuali e notizie relative alla protezione.

Le autorità tedesche mettono in guardia contro l’uso dei prodotti Kaspersky russi

10

L'autorità tedesca per la sicurezza informatica, Bundesamt für Sicherheit in der Informationstechnik (BSI), ha emesso un avviso il 15 marzo sull'uso dei prodotti di sicurezza online di Kaspersky Labs, una società di sicurezza informatica con sede in Russia. Kaspersky fornisce vari strumenti di sicurezza come software antivirus, VPN e altro.

BSI è una delle principali agenzie federali in Germania responsabile della gestione della sicurezza informatica nel paese e delle comunicazioni. BSI ha esortato gli utenti a disinstallare qualsiasi software o app Kaspersky dai propri dispositivi.

Per quanto riguarda il motivo dell'avvertimento, l'agenzia ha citato le recenti minacce alla sicurezza informatica dalla Russia alla NATO, all'Unione Europea e alla Germania. È stato emesso considerando il recente conflitto in Ucraina.

BSI ha affermato che la società di software con sede in Russia può essere costretta a "lanciare un attacco informatico" o può essere utilizzata per spiare le persone.

"Un produttore informatico russo può svolgere esso stesso operazioni offensive, essere costretto ad attaccare i sistemi di destinazione contro la sua volontà, o essere spiato a sua insaputa come vittima di un'operazione informatica, o essere utilizzato in modo improprio come strumento per attacchi contro i propri clienti, " secondo l'avviso BSI.

L'avvertimento afferma anche che le aziende con infrastrutture critiche sono particolarmente a rischio, in particolare le aziende IT.

Mentre le autorità tedesche hanno messo in guardia sul controllo di Kaspersky Labs da parte del governo russo e sull'abuso del suo software, nel 2015 la società ha subito un attacco informatico.

Il gigante della sicurezza è stato violato utilizzando il malware Duqu che utilizzava vulnerabilità "zero-day" nel software di cui gli ingegneri di Kaspersky non erano a conoscenza. Kaspersky ha affermato che gli hacker erano una "generazione più avanti di qualsiasi cosa vista".

Allo stesso modo, nel 2017, il New York Times ha riferito che nel 2015 spie israeliane sono state in grado di accedere ai sistemi di Kaspersky e hanno identificato che gli hacker russi stavano utilizzando il software come spyware.

Dimostra che il governo russo stava già utilizzando il software come strumento di spionaggio all'insaputa dell'azienda. Nel 2017, il presidente Donald Trump ha vietato l'uso del software Kaspersky nel governo degli Stati Uniti e nei sistemi di sicurezza nazionale.

La società ha negato queste accuse e il CEO Eugene Kaspersky si è offerto di condividere il codice sorgente del software e ha offerto alle autorità di controllare i suoi prodotti. 

La risposta di Kaspersky 

Dopo l'avvertimento di BSI, Axel Hellman, portavoce della squadra di calcio dell'Eintracht Francoforte, ha dichiarato a Bloomberg:

"Abbiamo notificato alla direzione di Kaspersky che stiamo risolvendo il [nostro] contratto di sponsorizzazione con effetto immediato… Siamo molto dispiaciuti per lo sviluppo".

Kaspersky ha detto alla BBC che l'agenzia governativa tedesca ha lanciato l'avvertimento esclusivamente sulla base di motivi politici e non ha legami con il governo russo.

La società ha affermato che chiederà chiarimenti alle autorità tedesche in merito alla loro decisione, che "non era basata su una valutazione tecnica dei prodotti Kaspersky".

Kaspersky ha affermato che sono una società privata e globale e non hanno alcun legame con il governo russo. Dal 2018 hanno trasferito i loro sistemi di elaborazione dati e la loro infrastruttura in Svizzera.

Anche il CEO di Kaspersky ha fatto osservazioni simili su Twitter. Tuttavia, ha dovuto affrontare molte critiche.

Rik Ferguson, di TrendMicro, ha twittato: " Meglio rimanere in silenzio che aver definito un'invasione una ‘situazione' che richiede un ‘compromesso'"

Di recente, Amazon, Discovery e MediaWarner hanno sospeso i loro servizi in Russia. Il Roskomnadzor ha bloccato Instagram nel Paese, tagliando l'accesso di milioni di utenti dalla piattaforma dei social media.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More